top of page

Le zeppole di San Giuseppe


La Festa del Papà si celebra in tutta Italia il 19 marzo, ma in Puglia ha un radicamento ancora più profondo. Infatti, sono tantissimi i falò che vengono realizzati in occasione di San Giuseppe per le strade o nei vicoli dei borghi antichi. Festeggiamenti spontanei in cui si mescolano leggende e folclore, ma in particolar modo devozione popolare. I simboli della legna e del fuoco sono legati alla cultura contadina, e a quella artigiana che ricorda San Giuseppe protettore dei falegnami e di tutti i dolcissimi papà del mondo. E per tutti i papà, e i più golosi, ci sono, “le zeppole”, un cuore di pasta fritta con crema pasticcera e amarene, un dolce di tradizione secolare che conquista al primo sguardo e al primo morso, dalla origine incerta, poiché diffusa un po' in tutti i territori dal punto di vista religioso. Una leggenda racconta che, San Giuseppe fuggito dall’Egitto, insieme a Maria e Gesù neonato, per sostenere la famiglia si trovò costretto a vendere frittelle di frumento, in terra straniera. Leggenda a parte, le origini della zeppola risalirebbero all’antica Roma dove qualche giorno prima dell’arrivo della primavera si celebravano le “Liberalia”, le feste dedicate alle divinità dispensatrici del vino e del grano, Bacco e Sileno, in onore dei quali si bevevano fiumi di vino accompagnati da frittelle di frumento fritte.


RICETTA:


Quantità per circa 16 pezzi medio grandi

  • 250 gr di farina ’00

  • 250 gr di acqua

  • 50 gr di burro

  • 5 uova

  • 5 gr di sale

  • 1 lt di olio di semi per friggere

Crema pasticcera :

  • 460 gr di latte intero fresco

  • 6 tuorli medi

  • 150 gr di zucchero

  • 30 gr di farina ’00

  • 20 gr di fecola

  • 1 cucchiaio di estratto di vaniglia

Per decorare:

  • zucchero a velo

  • amarene sciroppate

Occorrente:

  • sac a poche usa e getta

  • bocchetta a fiore grande di 8/10mm di diametro

PROCEEDIMENTO:

In un pentolino capiente, dove possiate agevolmente girare tutti gli ingredienti, versate l’acqua, il sale e il burro a pezzettini, girate affinchè si sciolga il burro.

Aspettate che il composto vada ad ebollizione e si ricopra di bollicine, e aggiungete la farina in un solo colpo girando immediatamente.

Allontanate dal fuoco e continuate a girate energicamente per qualche secondo, fino a farina assorbita. Il composto deve risultare denso e gommoso e che si stacca dalle pareti della pentola. Riponete subito sul fuoco e girate ancora per pochi secondi.

Versate l’impasto ancora bollente su un piano di lavoro e raffreddatelo lavorandolo con una spatola in modo da abbattere la temperatura, dopo di che stendete l'impasto con una spatola da cucina.

Continuate con le mani fino a quando l’impasto non si è intipidito.

Preparatevi le uova, ma non rompetele tutte insieme, 1 alla volta e sbattetelo leggermente.Aggiungetelo all'impasto.

Se state impastando l’impasto in ciotola potete aiutarvi con una forchetta. Impastate aiutandovi con la spatola e non inserite il secondo uovo prima che il primo sia completamente assorbito, dunque appena l’impasto è di nuovo sodo, aggiungete il secondo uovo.

Proseguite in questo modo fino ad esaurimento uova.

Il 5° uovo aggiungetelo piano piano in modo da rendervi conto a che punto è l’impasto. Se avete utilizzato uova medie, dovrete aggiungerlo tutto.

L’impasto finale deve risultare morbido e sodo, come quello di una crema pasticciera molto compatta.

Montate una sac à poche con un beccuccio a fiore, piuttosto grande che vada dagli 8 ai 10mm il mio è 8mm.

Riempite la sac con l’impasto e realizzate le zeppole direttamente in una teglia rivestita precedentemente di carta da forno, facendo 2 giri, uno sull’altro, il giro base in questo caso ha diametro 6 cm, ma senza chiudere il foro centrale.

Scaldate bene il forno a 200° e cuocete le zeppole per 10 – 11 minuti , fino a quando non si saranno leggermente gonfiate e hanno formato la crosticina.

Seguirà il procedimento per la frittura.

Preparate già un pentolino, dove cuocere 1 zeppola alla volta, o due al massimo a seconda della grandezza realizzata, ponetelo su fuoco moderato a scaldare, dopo 3- 4 minuti. Abbassate un pò la fiamma, perchè l'olio non dev’essere bollente max 165° -170°. Immergete così le prime zeppole, che nel giro di poco prenderannio colore e si gonfieranno.

Trasferite la zeppola su un nuovo foglio di carta assorbente.

Procedete in questo modo fino ad esaurimento avendo cura di cambiare l’olio ogni 5- 6 zeppole, altrimenti le ultime zeppole assumeranno un colore scure e un’odore di fritto poco gradevole.

Lasciatele asciugare. l

Preparate la Crema pasticcera, seguendo gli ingredienti indicati e riponetela in frigo a raffreddare. Non deve risultare troppo dura.

Riempite una sac à poche con bocchetta a fiore, la stessa che avete utilizzato per formare le zeppole.

Partite dal centro della zeppola per poi fare un cerchio intorno al punto di partenza e finire in alto.

Guarnite con un’amarena sciroppata al centro.

Le vostre Zeppole di San Giuseppe fritte, sono pronte per essere servite!


3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Spaghetti all'Assassina, come li preparano i baresi.

Gli spaghetti all'assassina, come li preparano i baresi, non sono semplici spaghetti al pomodoro, ma spaghetti croccanti ad effetto bruciacchiato, con l'aggiunta del peperoncino per renderli gustosi e

bottom of page